LA PERLA

 

A differenza delle altre gemme, allo stato naturale  le perle si presentano nella loro completa bellezza. Non c’è stato bisogno di affinare alcuna tecnica di taglio per estrapolare dalle perle la loro forma perfetta: dal mollusco le gemme affiorano come un miracolo in se compiuto.

Le perle inoltre non conoscono il fascino immoto di pietre inorganiche formate miliardi di anni or sono, ma emanano il fascino di gemme organiche prodotte da esseri viventi.

Oggi il 99% del mercato è costituito da perle coltivate; le uniche perle naturali ancora in commercio sono quelle che si tramandano di generazione in generazione.

Da un punto di vista chimico le perle coltivate non differiscono dalle perle naturali: sono anche esse il prodotto biologico del mollusco.

La diversità consiste nella casualità della produzione naturale e nella casualità della coltivazione: in quest’ultimo caso infatti è l’uomo a indurre la perlagione, inserendo nell’animale un nucleo appositamente predisposto. La distinzione tra i due tipi di perle è possibile solo analizzando ai raggi X la struttura interna.

E’ opinione accettata da tutti gli estimatori che le perle coltivate raggiungono nella maggior parte dei casi una bellezza superiore alle perle naturali: la migliore qualità del nucleo agisce sulla qualità degli strati di perlagione e si riflette sulla bellezza dell’oriente.

Ma la natura elargisce con parsimonia i propri doni. Nessuna eccezione per le perle coltivate: su 1000 perle raccolte solo 10 possono essere utilizzate in gioielleria e di queste solo pochissime sono realmente belle.

Le perle false ingannevolmente commerciate con il nome di “perle di Majorca”,”perle di vasca” o “o perle Kobe” non possiedono ne il chimismo, né le proprietà fisiche e ottiche delle perle naturali coltivate. Le perle di imitazione possono essere riconosciute anche a occhio nudo: una superficie perfetta, la stessa tonalità di luce su ogni perla, la freddezza di un prodotto fatto in serie e, molto spesso basta metterla sotto i denti e vedere se si graffia: la perla vera non si graffia.

Quante pazzie, in ogni età, uomini e donne hanno compiuto per le perle.

E forse la pazzia più grande è stata la sfida del nostro secolo: sconfiggere l’estinzione cui le perle erano inevitabilmente destinate!

Il gioiello è quell’inconfondibi le mix di storia, natura, arte che lo rende unico. Ma è anche moda, galateo, simboli.

Gioielleria Sessa Aristide - Via Duomo, 42 - CAPUA (CE) - Tel. 0823/961560 - sessa@sessagioielli.it